Tag

, , , ,

Rina Morelli e Marcello Mastroianni in "Un tram che si chiama desiderio" (Milano, Teatro Nuovo, 28 aprile 1951)

Rina Morelli e Marcello Mastroianni in “Un tram che si chiama desiderio” (Milano, Teatro Nuovo, 28 aprile 1951)

Adesso è difficile ricordare tutti i nomi che sono passati attraverso il mio teatro. Le glorie già affermate, prima di tutto, come Ruggeri, la Borboni, la Tatiana Pavlova (che non aveva più recitato dopo la guerra e che fece con me Zoo di vetro, diciannove anni fa), Memo Benassi (che fece cose memorabili interpretando Vierscinin nelle Tre sorelle), e perfino Vittorio De Sica (che io diressi nel Matrimonio di Figaro). Con me, Paolo Stoppa uscì definitivamente dai ruoli limitati in cui era stato sempre costretto. Fra i più giovani, De Lullo fece con me tutta la sua carriera d’attore, e anche Gassman (che feci recitare in Rosalinda, nell’Oreste, in Un tram che si chiama Desiderio) uscì felicemente da certi ruoli cui sembrava in un primo tempo destinato. Tonino Pierfederici mise piede per la prima volta sulla scena nei Parenti terribili. Olga Villi che era una soubrette, recitò in Quinta colonna e in Antigone, vent’anni fa. Rossella Falk lavorò con me nel Tram, nella Locandiera (dove c’era anche Romolo Valli) e nelle Tre sorelle. Ma il caso più interessante di tutti, forse, è quello di Marcello Mastroianni, un ragazzotto che non sapeva dire una battuta, e che io presi in Rosalinda di Shakespeare, nel ’48, dopo di che mi accompagnò per almeno dieci spettacoli, fino a Zio Vania e alla seconda edizione di Morte di un commesso viaggiatore, nel ’56.

Luchino Visconti
(Il mio teatro, L’Europeo 24 marzo 1966)

Advertisements